venerdì 17 ottobre 2014

Stazione di M...ilano

Mi ero già interessato alla protesta civile effettuata da un gruppo di abitanti della zona intorno alla Stazione Centrale di Milano in questo articolo, scritto quando avevo incontrato Andrea Salpetre, un fotografo che ha a cuore il destino della città in cui vive e lavora.
A distanza di circa tre mesi, anche sul lato di via Ferrante Aporti sono apparsi dei cartelli che invitano l'amministrazione pubblica ad occuparsi seriamente di quello che sta avvenendo ai lati dei cosiddetti rilevati ferroviari in stato di abbandono e degrado.
Questa volta, siamo di fronte a domande precise che non fanno tanti giri di parole per denunciare il disinteresse che gli amministratori cittadini hanno per il territorio che dovrebbero governare e per il loro stesso ruolo che, evidentemente, essi interpretano in modo molto personale.

Dove sono i soldi dell'Expo?

Dove siano finiti i soldi di Expo è una cosa che sappiamo tutti molto bene, infatti, tutta l'operazione Expo 2015 non ha altro scopo se non quello di condurre a termine un progetto che arricchisca alcune persone senza scrupoli ai danni della cittadinanza che si vede prosciugare i propri risparmi da iperboliche tasse comunali e regionali.
Fin dai primi momenti in cui furono accantonati i denari destinati ad organizzare l'evento, i soliti politici che hanno potere decisionale ed accesso alle casse, hanno ben pensato di spartirsi il malloppo, cosa che ha creato non pochi problemi all'inizio di lavori (inutili), che stentavano a partire, per la costruzione del sito destinato ad accogliere i padiglioni dell'esposizione ed i vari progetti senza senso, vedi le vie d'acqua e tante altre belle pensate.
Ogni giorno, emergono nuovi personaggi inquisiti, ma questo, ovviamente non frena la sete di denaro di gente avida ed arrogante che persino s'indigna perché non la si vuole far continuare a rubare.

Che vergogna attorno ai binari

Vero, io stesso, da milanese, mi vergogno di vedere questa città spremuta come un limone, sfruttata e deturpata senza ritegno. 
Mi dispiace proporvi spesso i lati peggiori di un luogo che sta andando allo sbando, ma sento il dovere civico d'informarvi su ciò di cui chi dovrebbe ascoltare i cittadini continua a fare orecchie da mercante.

Non ci meritiamo questo schifo

Non so se questa affermazione sia giusta o no, io credo che ci siano ancora tante persone oneste in giro, ma forse la maggioranza di questo paese ha una mentalità corrotta dalle idee del comune modo di pensare dell'italiano medio che preferisce adulare i potenti ed i capimafia, piuttosto che contestarli, destituirli e ridare dignità alla propria vita.

Basta promesse vogliamo i fatti

Frasi fatte, forse era meglio qualcosa di più originale, ma probabilmente si sarebbe poi potuti scivolare nelle minacce.


Stazione di M.

E' come se i politici ed i responsabili delle istituzioni pubbliche vivessero in un altro mondo, loro si disinteressano a tutto e sono felici solo se pensano ai numeri registrati sui loro conti nelle banche estere.
Più passa il tempo, più i problemi si sommano e non trovano soluzione, un mio amico propone di sostituire tutti i politici con computer, o robot e software per la gestione dei beni pubblici. La cosa potrebbe già funzionare bene da adesso e con quello che si risparmierebbe su stipendi e mazzette, sai quante cose si potrebbero fare?

Via Ferrante Aporti

Prima o poi dovrò decidermi ad andare a vedere cosa succede dentro la stazione.
Qualcuno finalmente ha recepito il messaggio e sta facendo pulizia.
Saluti da Milano, Tony Graffio


Nessun commento:

Posta un commento