domenica 9 giugno 2013

Tango d'Amore

Ieri sera alle 20,20 sono stato fortunato, ripassando da viale Edward Jenner, ho incontrato Cristian Sonda ed un suo collaboratore che stavano terminando la prima giornata di lavoro sullo spazio libero che avevo individuato al mattino. Mi sono fermato a scambiare due parole con loro e per documentare questa fase di stesura dei fondi.

Sul trabattello

Il mural è stato commissionato dal Comune di Milano sui muri dell'ASL ed avrà come soggetto una coppia che danza un tango appassionato per trattare un argomento che parli d'amore in una campagna per il controllo della diffusione del virus dell'AIDS.

Bozzetto

Cristian Sonda


Aggiornamento dell'11 giugno 2013
Questa mattina sono tornato in viale Jenner 42 per vedere se c'erano stati nuovi progressi da domenica sera ed ho visto che Cristian aveva iniziato a colorare i volti dei ballerini.

Tango al sole del mattino

Primi piani dei ballerini

Nel pomeriggio, alle 14,56 ho ritrovato Cristian al lavoro e mi sono fermato a parlare con lui per una ventina di minuti ed ho scattato un'altra foto.

Giornata calda per stare al sole

Cristian mi ha detto d'aver iniziato come "writer" nel 1991, a 15 anni, poi col tempo ha sentito che desiderava esprimere concetti diversi che non lo relegassero ad identificarsi in poche immagini simbolo del proprio passaggio in un luogo; è nato così l'interesse per immagini che illustrassero idee antimilitariste ed espressioni del desiderio di un mondo più a misura d'uomo. Mi ha spiegato che la "street-art" viene prodotta per essere fruita dalla gente che vive la città, non come mera promozione di se stessi, mentre i "writers", coloro che si concentrano sulle riproduzioni di scritte e nella ricerca di caratteri nuovi, agiscono in modo abbastanza compulsivo, per se stessi, per la soddisfazione di lasciare un segno leggibile solo da chi conosce questo particolare linguaggio, oppure per esprimere una protesta alla carenza di spazi idonei alla propria attività e per manifestare un gesto di dissenso nei confronti della società istituzionalizzata.
Oggi faceva così caldo che le suole delle mie scarpe da ginnastica affondavano nell'asfalto.

Luogo: viale jenner, 42
Latitudine e longitudine: N 45°29'49.327" E 9°10'39.526"

Aggiornamento del 12 giugno 2013
Oggi niente impalcatura, si lavora sulla parte bassa del dipinto; tanti fili d'erba in differenti sfumature di colore creano un bell'effetto di profondità, ma c'è ancora tanto da fare prima di finire. Simone Ripamonti, un collaboratore de "L'Amico Charly", dà un aiuto a Cristian.

Sonda  prepara il prato


Un grande prato


Tempo di Tango

Cristian e Simone guardano l'effetto del mural dal lato opposto di viale Jenner

Contemplazione

Giorno previsto di chiusura dei lavori: sabato o domenica sera.


Aggiornamento del 14 giugno 2013
Compaiono le stelle nel cielo, continuano a crescere fili d'erba anche sulla collina dietro i ballerini, si sviluppano altri dettagli. La superficie colorata è molto estesa.










Aggiornamento del 15 giugno2013
Altra giornata caldissima, stare all'aperto dal mattino alla sera con queste condizioni climatiche sta mettendo alla prova la resistenza di Sonda che dopo una settimana di lavoro a questo muro inizia ad essere un po' provato.


Colori acrilici


Sfondo di stelle

Adesso nel cielo dietro la coppia di danzatori ci sono delle stelline con un alone chiaro attorno.

Puntinismo


Aggiornamento del 16 giugno 2013
Un'altra giornata lunga e molto calda, ma almeno questa sarà l'ultima sessione di lavoro, dopo di che potremo vedere per primi  "Tango d'Amore" in tutto il suo splendore.

Ombra dell'albero 

Albero


Ultimo sole

Una cena veloce prima degli ultimi ritocchi

Un'altra ripassata alle ombre

 Ultime pennellate

 Contrasto cromatico

Sonda davanti a Tango d'Amore


Aggiornamento del 22 giugno 2013
Dopo 6 giorni sono tornato in viale Jenner per rivedere Tango d'Amore e scattare le ultime fotografie a lavoro terminato e firmato, senza automobili che ostruissero la visuale. Mi interessava anche osservare in che condizione fosse il mural e quali fossero state le reazioni dei passanti. Non ho avuto molto tempo per effettuare riprese di qualità, ma ho subito notato una specie di pallina bianca appiccicata con della gomma da masticare alla scarpa del ballerino, qualcuno ha già iniziato a lasciare un ricordo del suo passaggio?

 Firma di C. S.

Lavoro terminato

Mi piacerebbe ripassare ancora una volta di qua col cavalletto, verso l'imbrunire, per ambientare questo grande muro dipinto nel suo ambiente naturale: la notte.

Aggiornamento dell'11 agosto 2013
Ieri, poco prima delle 22 sono tornato ancora una volta a fotografare Tango d'Amore e devo dire che la resa notturna, come mi ero immaginato, è splendida. Un'opera così grande, ambientata di notte, all'aperto, vista con il cielo buio, le stelle vere e le luci delle case accese crea un bellissimo contrasto con l'ambiente urbano e rende questo tratto di strada particolarmente magico e surreale. Unica nota fuori posto è l'illuminazione al sodio dalla dominante giallastra che proprio non è adatta a valorizzare questo bel lavoro.


La notte si balla e si ama

Nessun commento:

Posta un commento